Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
ambasciata_washington

GIs and TTIP: How not to mislead the consumers – workshop sulla sicurezza alimentare all’Ambasciata d’Italia a Washington

Data:

04/11/2015


GIs and TTIP: How not to mislead the consumers – workshop sulla sicurezza alimentare all’Ambasciata d’Italia a Washington

Washington, 4 Novembre 2015 – Giovedì 5 Novembre 2015, l'Ambasciata d'Italia a Washington ospiterà il workshop “GIs and TTIP: How not to mislead the consumers” che vedrà come key-note speaker l’On. Paolo De Castro, europarlamentare e relatore a Strasburgo sul capitolo agricoltura nei negoziati TTIP.

La discussione sarà incentrata sul tema delle indicazioni geografiche, attraverso un’articolata presentazione del sistema di controllo e certificazione italiano ed europeo. Oltre all’On. De Castro saranno presenti il Segretario Generale dell’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche (AICIG) Pier Maria Saccani, il Direttore Generale del Consorzio del Prosciutto di Parma Stefano Fanti e il Direttore Generale per le indicazioni geografiche presso il Ministero delle Politiche Agricole Emilio Gatto. L’evento si svolge in un momento particolarmente opportuno all’indomani dell’XI incontro di negoziazione tra USA e UE sul TTIP, tenutosi a Miami dal 19 al 23 ottobre scorso.

Sicurezza alimentare e certificazione sono al centro del Food Safety Modernization Act (FSMA), al momento in attuazione da parte della Food and Drug Administration. Sharon Mayl, Senior Advisor di FDA, presenterà le principali implicazioni derivanti dal FSMA per l’importazione di prodotti agro-alimentari negli Stati Uniti.

“La tutela delle indicazioni geografiche rappresenta una priorità assoluta per l’Italia nell’ambito dei negoziati T-TIP”, ha sottolineato l’Ambasciatore d’Italia negli Stati Unti Claudio Bisogniero. “Dietro questi marchi ci sono tradizioni plurisecolari, legami indissolubili con territorio e cultura e anni di ricerca ed investimenti per assicurare prodotti di qualità a tutela dei consumatori. Un accordo pragmatico a tutela del patrimonio produttivo rappresentato dalle indicazioni geografiche in ambito T-TIP può essere raggiunto, sulla scorta di quanto già fatto da UE e Canada nel CEFTA”.


1831